Ricetta tonno rosso al forno – Come cucinare il tonno

Condividi se hai gradito!

In questo articolo parliamo di pesce ed in particolare del tonno, da cucinare rigorosamente fresco. Per aiutarvi nella preparazione del piatto partiremo dall’inizio, ovvero dall’acquisto del tonno. Scoprirete quali sono i trucchi da seguire per riconoscere il tonno fresco, le differenze tra tonno rosso e tonno pinna gialla e infine la ricetta del tonno alla Siciliana!

Come anticipato la ricetta che abbiamo scelto per voi è il tonno alla siciliana, per gli amanti del genere consigliamo un elenco di tonno fresco ricette, con primi, secondi e contorni. Il tonno alla siciliana va cucinato in tranci, è una ricetta molto semplice e veloce.

Prima di leggere la ricetta nel dettaglio ti consigliamo di seguire questi consigli per capire se il tonno che stai per acquistare è realmente fresco oppure no. Vediamo come fare.

Come riconoscere il tonno fresco

  1. La consistenza della carne

    Premi con un dito sulla polpa e verifica che non rimanga l’impronta impressa. Se ciò accade vuol dire che il pesce non è abbastanza fresco. La carne deve essere soda.

  2. Fai attenzione al colore

    Il colore della carne deve essere rosso vivo, evita colorazioni sbiadite o spente. Quando l’esemplare è ancora intero la carne deve essere lucida, mai opaca.

  3. Affidati al tuo olfatto

    Un tonno fresco ha sempre un odore gradevole.

Differenza tra tonno rosso e tonno pinna gialla

La maggior parte del tonno in commercio appartiene alla varietà Tonno Pinne Gialle, si tratta di una specie meno pregiata rispetto al Tonno Rosso. Capite bene quanto sia importante saper riconoscere entrambe le specie per evitare di acquistare un tonno economico ad un prezzo esagerato.

Il Tonno Pinna Gialla

tonno pinne gialle

Chiamato così per la colorazione delle sue pinne di un tipico colore giallo acceso si trova per la maggior parte in acque tropicali e subtropicali ma è possibile trovare anche esemplari nel nostro mar Mediterraneo.
Le sue carni sono di colore rosato e il peso degli esemplari in commercio si aggira solitamente intorno ai 40 Kg.

Il Tonno Rosso

tonno rosso

Il suo nome è dovuto al colore acceso della carne è possibile trovarlo nei mari tropicali dell’Oceano Atlantico ed anche nel Mediterraneo. Presenta delle striature verticali dal dorso alla pancia. Le parti più pregiate del tonno rosso sono la guancia, il retro, la ventresca e i filetti centrali e laterali.

Ricetta Tonno al Forno (tranci o filetti)

Per questa ricetta abbiamo scelto il tonno rosso. Gli ingredienti necessari sono 4 tranci o filetti di tonno rosso, aglio, pomodori piccadilly, olive nere, acciughe, sale, vino, olio e semi di finocchio.

La prima cosa da fare è mettere il tonno a marinare per tre ore in una terrina con semi di finocchio, sale, pepe e vino. Mescolate il composto e adagiatevi sopra i tranci di tonno. La terrina va coperta con una pellicola trasparente.

Dopo la marinatura potete cominciare la preparazione vera e propria mettendo i filetti di acciuga e 80 gr. di olio in padella fino a che le acciughe non perderanno la loro consistenza e avrete una salsa omogenea, aggiungete anche del succo di limone.

Adesso potete passare alla cottura in forno a 170°C. Adagiate i tranci di tonno in una pirofila leggermente unta. Guarnite con olive nere, pomodori piccadilly. Introducete all’interno dei tranci il trito di aglio ed infine bagnate i tranci con la salsa di acciughe preparata in precedenza.

Chiudete il forno e cuocete per 20 minuti. Servite decorando a piacere con pomodorini e prezzemolo.

A questo punto non vi resta che gustarvi il vostro tonno al forno!

Condividi se hai gradito!

Marco in cucina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto