La pasta ai ricci di mare

Condividi se hai gradito!

I ricci di mare sono un prodotto dalle tante qualità e benefici; hanno un elevato apporto proteico ed uno scarso contenuto di grassi. 

Sono un alimento anche molto gustoso: il loro sapore è quello tipico del mare, a metà tra il dolce e il salato, ma meno intenso di quello delle ostriche.

In questo articolo scoprirete la preparazione della pasta ai ricci di mare, un primo piatto prelibato dal gusto mediterraneo, non prima, però, di aver conosciuto le peculiarità di questo nobile ingrediente.

Specie esistenti 

Il riccio di mare, come viene chiamato comunemente, è un animale che fa parte della famiglia degli echinodermi. Il suo habitat sono i fondali marini, perlopiù quelli rocciosi, ed è in grado di vivere fino a 30 metri di profondità. 

Vi sono numerose specie esistenti ma le più diffuse, anche sulle nostre tavole, sono due: Arbacia lixula (riccio nero) e Paracentrotus lividus (riccio bianco).

Essendo animali a rischio di estinzione, in Italia la pesca dei ricci di mare è vietata in alcuni periodi dell’anno. E’ quindi consentito praticarla solo nel periodo che va da inizio febbraio a fine aprile.

Ricci di mare: una fonte preziosa di nutrienti

I ricci di mare presentano un contenuto davvero basso di grassi, fornendo così poco più di 100 calorie per 100 grammi di prodotto edibile. Presentano, invece, un alto contenuto di proteine nobili, di sali minerali (contiene,in particolare, grandi quantità di ferro e fosforo) e di acidi grassi essenziali, importantissimi per il nostro organismo.

I ricci di mare sono, inoltre, uno degli alimenti che presentano il più alto contenuto di iodio, microelemento essenziale nel nostro corpo che regola la funzione della ghiandola tiroidea.

Non è da sottovalutare nemmeno il loro contenuto vitaminico, in particolare sono ricchi di vitamine del gruppo B.

Non solo gustosi, ma benefici per la salute

Dai numerosi benefici, il riccio di mare è anche un ottimo alleato nella prevenzione di alcune malattie:

– combatte l’anemia

– previene il rischio di ipotiroidismo

– aiuta il benessere del sistema nervoso

Se consumati crudi, però, i ricci possono rappresentare un rischio per la salute in quanto potrebbero favorire l’insorgenza di patologie come l’epatite A e la salmonella.

Linguine ai ricci di mare: ricetta gustosa

Prima di progettare il vostro menù è opportuno fare una premessa: I ricci di mare non sono assolutamente semplici da reperire, ma cliccando qui è possibile trovare la polpa in barattolo.

Detto ciò, scopriamo, finalmente, come preparare questo primo piatto gustoso dal profumo mediterraneo.

Ingredienti

Dosi per 4 persone:

– 400 g di linguine

– 20 g di ricci di mare

– 200 g di pomodori grappolo

– 1 spicchio d’aglio

– q.b peperoncino

– qualche foglia di basilico

– q.b olio

– q.b sale

Preparazione

Prima di tutto tagliate la pelle dei pomodori formando una croce e metteteli a sbollentare in acqua per pochissimi minuti, in modo tale da ammorbidire la buccia, dopodiché scolateli e sbucciateli. Tagliateli a metà eliminando la parte interna, continuate poi con un taglio a cubetti.

Passate poi alla preparazione dei ricci di mare, ricordandovi di indossare i guanti.

Sciacquateli prima di prendere l’attrezzo apposito e divideteli a metà. Aiutandovi poi con un cucchiaio, estraete dalla calotta la parte rossa, cioè polpa e uova.

Mentre cuocete la pasta con acqua salata, potete dedicarvi alla preparazione del condimento: in padella fate soffriggere l’aglio, precedentemente sbucciato e tagliato a metà, con un filo d’olio e lasciatelo andare per qualche minuto.

Unite poi i pomodori e fateli saltare. Fatto ciò eliminate lo spicchio d’aglio e aggiungete la polpa dei ricci e lasciate cuocere ancora per qualche istante. 

Aggiungete sale e peperoncino secondo i vostri gusti personali.

Scolate la pasta al dente e trasferitela in padella insieme al sugo preparato, utilizzate un po’ di acqua di cottura e spadellate per pochi minuti in modo tale da far amalgamare il tutto. 

Impiattate aggiungendo qualche foglia di basilico e un filo d’olio.

Condividi se hai gradito!

Marco in cucina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto