Come filtrare l’olio di oliva

Condividi se hai gradito!

Olio di oliva e olio extravergine di oliva, oro giallo d’Italia e prodotto principi della cucina mediterranea. Negli ultimi anni abbiamo notato un crescente interesse per l’olio di oliva artigianale, franto tramite metodi artigianali, filiere controllate e a basso impatto ambientale. Questo tipo di olio necessità di essere filtrato, vediamo in che modo.
In qualità di amanti della buona cucina e degli ingredienti sani, siamo molto contenti se acquistate i vostri prodotti e ingredienti da piccolo produttori e anche per questo vogliamo promuovere un uso consapevole degli ingredienti in cucina. Oggi vi guidiamo nel processo di filtraggio dell’olio di oliva.

Se avete acquistato il vostro olio presso un produttore artigianale o un frantoio di paese, il vostro olio è stato sicuramente franto da poco e potrebbe mostrare una leggera posa sul fondo. Vi spieghiamo passo passo come filtrare l’olio in casa!

Quando filtrare l’olio

Il filtraggio va eseguito già dopo 30 giorni dalla macinazione delle olive se vi è presenza di deposito altrimenti in primavera o comunque al termine dell’inverno. Ovviamente i tempi possono variare a secondo del tipo di olio e della modalità di conservazione. Se non sai quando è stato macinato devi sapere che dopo circa 30 giorni i sedimenti cominciano a depositarsi sul fondo. Al momento dell’acquisto se noti già dei sedimenti vuol dire che non si tratta di un olio appena franto.

olio-oliva-filtrato

Che cos’è la Morchia e come evitarla

La morchia dell’olio extravergine è il risultato di un processo di ossidazione causato da enzimi presenti nei residui della macinazione che con il tempo intacca le proprietà organolettiche dell’olio, causando sgradevoli odori o cambi di sapore che con il tempo arrivano a trasformare l’olio in olio rancido.

La morchia è anche conosciuta più comunemente con il nome di posa ed è il risultato di residui vegetali e le particelle d’acqua che rimangono dopo la macinazione e vanno a depositarsi sul fondo della latta o della bottiglia. Il deposito sul fondo è dovuto alla temperatura esterna che si è fatta più calda e ha causato la discesa di queste particelle sul fondo del contenitore. Va comunque precisato che se l’olio è di ottima qualità entro i primi mesi questa morchia o posa non dovrebbe causare problemi.

Per evitare la morchia può filtrare l’olio regolarmente o consumarlo in breve tempo usandolo con regolarità.

Come filtrare l’olio di oliva

Per filtrare l’olio avrai bisogno di appositi strumenti per il filtraggio. Puoi utilizzare quelli che preferisci o che hai già in casa scegliando tra:

  • un classico canovaccio in cotone
  • un colino a trama fitta
  • filtri di carta

Se devi filtrare molto olio, ricordati di sostituire il canovaccio con uno pulito o di pulire il colino dopo un uso prolungato.

Filtri e Imbuti per Olio di Oliva

Se preferisci puoi acquistare dei filtri appositamente studiati per filtrare l’olio. Esistono sia filtri in acciaio inox sia filtri di carta. Abbiamo raccolto i migliori disponibili online.

 

Condividi se hai gradito!

Marco in cucina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto
Available for Amazon Prime